Sbocchi professionali.
Gli ambiti di intervento dell'arteterapia


L’arteterapeuta può trovare sbocchi professionali nella prevenzione e nella ricerca del benessere, così come in ambito clinico e terapeutico. Ciò può attuarsi nel contesto di Servizi Pubblici (CSE Centri Socio Educativi, RSA Residenze Socio Assistenziali, CPS Centri Psicosociali, NOA Nuclei Operativi Alcologia, SERT Servizi Tossicodipendenza, UONPIA Unità Operative di Neuropsichiatria per l’Infanzia e l’Adolescenza, Centri di Salute Mentale, Scuole di diverso ordine e grado, etc…) o presso Servizi Privati.

L’Arteterapia offre attualmente un ampio spettro di applicazioni, intervenendo in termini non verbali sulle problematiche e sulle situazioni esistenziali della persona, lavorando anche solo a livello emotivo.

Tramite l’Arteterapia, è possibile avviare percorsi anche nell’ambito della prevenzione, come, ad esempio, quando si interviene sullo sviluppo della creatività dei bambini o sulle conflittualità del periodo adolescenziale e non solo nell’intervento clinico in situazioni più patologiche.

L’intervento tramite l’arte è la soluzione più idonea per coloro che non intendono affrontare una vera e propria psicoterapia o per chi rivela blocchi e rimozioni o per chiunque si senta attratto dalle possibilità espressive dell’arte.
Si tratta, quindi, di percorsi che possono diventare propriamente terapeutici oppure rimanere in un’area non propriamente terapeutica, ma che, in ogni caso, possono avere grande incidenza sullo sviluppo e sull’equilibrio della persona.

In ambito clinico, l’Arteterapia è sicuramente l’intervento di elezione in tutte le situazioni in cui una terapia verbale non è proponibile e cioè nelle situazioni di deficit o di riduzione delle capacità di insight. In questo caso ci si riferisce alle patologie relative all’insufficienza mentale, alla demenza, alle patologie organiche o a situazioni di fragilità dell’Io, alle psicosi. Sono da includersi in questa fascia di intervento anche le persone con scarsa capacità di comunicazione verbale di qualsiasi tipo si tratti: afasia, sordità, mutacismo dovuto a traumi o a situazioni deficitarie dell’infanzia.

Inoltre l’intervento arteterapico può essere multiassiale, ossia avvenire parallelamente ad una psicoterapia: i due specialisti, arteterapeuta e psicoterapeuta, collaborano fattivamente all’integrazione dei percorsi. L’Arteterapia è in grado, infatti, di far agire il paziente, di far emergere nella persona ricordi, emozioni, vissuti attraverso il linguaggio simbolico di forme e colori. Questo materiale, molto carico emotivamente, può essere contenuto, rivisto e analizzato verbalmente nelle sedute di psicoterapia.

La Formazione Triennale, in considerazione di tutto ciò, intende chiarire come l’Arteterapia abbia delle precise indicazioni e come, in certe patologie o in determinate situazioni esistenziali, possa rivelarsi come intervento di elezione.

 

 

Lyceum - Associazione Culturale per la Formazione e l'Aggiornamento - Via Calatafimi, 10 - Milano - P.IVA 02742460161